Si è svolta così la puntata zero di MakeItWork al FabLab Bologna, prima dell’estate con un corso intensivo e gratuito su sistemi embedded basati su Arduino e RaspBerry Pi. Quindici partecipanti entusiasti, tanta voglia di mettersi in gioco, di ricevere nuovi input e spremere ogni goccia di esperienza messa a disposizione dai tutor. Alcuni di loro hanno presto trovato un’occupazione in aziende, altri hanno iniziato in modo autonomo un percorso di arricchimento sulla cultura tecnica con l’attitudine che abbiamo cercato di trasmettere.
In questo modo il nostro FabLab intende iniziare ad affrontare il grande tema della formazione legata ai veloci cambiamenti, non solo tecnologici, ma soprattutto culturali, innescati dall’industry 4.0. Un modo per dire la nostra, cercando di andare oltre alle generiche infografiche che si leggono su questo tema, riscoprendo ancora una volta la forte leva che il digitale, vissuto in modo attivo e creativo, può esercitare in chiave di inclusione sociale e lavorativa.

Verso la seconda settimana di corso, l’entusiasmo nell’immortalare un sistema ‘conta pezzi’, con attivazione RFID + Display LCD + Servo motore + Laser e Fotocellula.
Non abbiamo resistito ed uscendo un po’ fuori tema abbiamo utilizzato anche un po’ di LaserCut per realizzare le parti meccaniche…
Specifiche di progetto consegnate nel mattino, e dopo 5 ore il primo prototipo. Queste sono soddisfazioni!
Per essere informati sulle future edizioni, consigliamo di segnalare l’indirizzo email nel campo presente nel footer del nostro sito.
Per saperne di più su MakeItWork clicca qui.

Un ringraziamento a MenAtWork, che ha reso possibile questa iniziativa ed ha seguito i ragazzi anche dopo lo svolgimento del corso.

Siglata la convenzione con le scuole Pepoli

pena firmata la convenzione tra FabLab Bologna ed IC 21 di Bologna: formalizziamo un rapporto già avviato ed un esempio di collaborazione tra pubblico e privato per aumentare la qualità dell’offerta rivolta ai ragazzi/e (8-17 anni) di tutta la città!

AltroSguardo Design

Mattia e Mara di altrosguardodesign.com sono venuti a trovarci per sperimentare un nuovo processo da integrare all’ interno della produzione di alcuni dei loro prodotti . Ci chiedono: “Potete tagliare/incidere il palissandro e l’ ebano?!?”

300 Lucerne Spaziali stampati al FabLab Bologna

La fabbrichetta distribuita. 2 stampanti fanno il lavoro sporco, a noi resta solo il controllo delle stampe e la ricarica del filamento. Grazie a MakeRn e Mak-ER, il primo caso di produzione in rete tra FabLab dell’ Emilia Romagna.

Il primo passo…

Ogni pedalino ha un cuore…
Oggi abbiamo gettato le basi per il nostro: il Filtro Variabile.
Abbiamo realizzato su millefori una versione semplificata del filtro controllato in tensione (VCF)

FabLab Bologna

FabLab Bologna