Si è svolta così la puntata zero di MakeItWork al FabLab Bologna, prima dell’estate con un corso intensivo e gratuito su sistemi embedded basati su Arduino e RaspBerry Pi. Quindici partecipanti entusiasti, tanta voglia di mettersi in gioco, di ricevere nuovi input e spremere ogni goccia di esperienza messa a disposizione dai tutor. Alcuni di loro hanno presto trovato un’occupazione in aziende, altri hanno iniziato in modo autonomo un percorso di arricchimento sulla cultura tecnica con l’attitudine che abbiamo cercato di trasmettere.
In questo modo il nostro FabLab intende iniziare ad affrontare il grande tema della formazione legata ai veloci cambiamenti, non solo tecnologici, ma soprattutto culturali, innescati dall’industry 4.0. Un modo per dire la nostra, cercando di andare oltre alle generiche infografiche che si leggono su questo tema, riscoprendo ancora una volta la forte leva che il digitale, vissuto in modo attivo e creativo, può esercitare in chiave di inclusione sociale e lavorativa.

Verso la seconda settimana di corso, l’entusiasmo nell’immortalare un sistema ‘conta pezzi’, con attivazione RFID + Display LCD + Servo motore + Laser e Fotocellula.
Non abbiamo resistito ed uscendo un po’ fuori tema abbiamo utilizzato anche un po’ di LaserCut per realizzare le parti meccaniche…
Specifiche di progetto consegnate nel mattino, e dopo 5 ore il primo prototipo. Queste sono soddisfazioni!
Per essere informati sulle future edizioni, consigliamo di segnalare l’indirizzo email nel campo presente nel footer del nostro sito.
Per saperne di più su MakeItWork clicca qui.

Un ringraziamento a MenAtWork, che ha reso possibile questa iniziativa ed ha seguito i ragazzi anche dopo lo svolgimento del corso.

Il Biliardino personalizzato NEET

Come potevamo astenerci dalla sfida di riprogettarlo con gli strumenti digitali del FabLab? Oggi è possibile! Il limite è la fantasia, noi abbiamo deciso di personalizzare gli ‘omini’, ridisegnare lo stadio, mettere un segna punti a led e persino inserire dei fantastici effetti sonori.

Bilancio Partecipativo e FabLab Bologna

Una lampada in stile steam punk, posizionata all’entrata di Salaborsa: il bulbo si illumina per qualche istante in seguito alla registrazione di una votazione da parte del server principale del comune.

Girls Code It Better

Girls Code It Better è un progetto che intende fornire alle ragazze la possibilità di orientare i propri interessi verso le nuove competenze del futuro, stimolandone le attitudini tecniche ed amplificando le possibilità di crescita

FabLab Bologna pionieri italiani di Museomix!

Materiali e suoni distinti che arrivano a raccontare la storia di un piccolo museo nel centro bolognese. Quattro squadre di professionisti creativi che hanno reinterpretato in chiave moderna la visita nelle sale dell’Istituto dei ciechi Francesco Cavazza

Riparazione Stampanti 3D

FabLab e assistenza sulla stampa 3D nella scuola. Quando in classe si inceppa l’ estrusore, chi ci pensa è il professore. Quando il danno non è provvisorio, occorre un maker in laboratorio. La rima baciata non è il nostro forte, ma quando si parla di frasi in gcode…

Siglata la convenzione con le scuole Pepoli

pena firmata la convenzione tra FabLab Bologna ed IC 21 di Bologna: formalizziamo un rapporto già avviato ed un esempio di collaborazione tra pubblico e privato per aumentare la qualità dell’offerta rivolta ai ragazzi/e (8-17 anni) di tutta la città!

FabLab Bologna

FabLab Bologna